Remote working: It takes bravery to let the new reality shine

Nell'articolo che segue abbiamo pensato di raccontarvi le nostre esperienze di questo periodo di remote working e raccogliere alcuni contributi che ci hanno particolarmente colpito e aiutato dal punto di vista personale e professionale.

Ieri ho avuto due diverse video call su una piattaforma condivisa: durante la prima è comparso Pongo, il cane di un mio collega, e nella seconda abbiamo visto una palla di spugna fendere l’aria, fortunatamente senza provocare danni. In un contesto lavorativo usuale, episodi come questi avrebbero creato imbarazzo, in questi giorni ci offrono la possibilità di avere un “insight” nella vita dei nostri colleghi: uno ama i cani e l’altro ha un figlio che è sicuramente appassionato di calcio

#Wellbeing, #workspace e #worklife, autenticità, concetti di cui si discute e si è discusso prima della pandemia, ma oggi, con questo Remote Working forzato, possiamo forse riassumerli nell'idea che l’intera espressività personale consiste semplicemente nell'essere chi si è, tanto al lavoro quanto lontano dal lavoro.

Prima del Covid-19 cosa succedeva? Arrivavamo a casa, ci toglievamo l’abito 'da lavoro' e indossavamo quello 'da casa'; tenevamo in evidenza le mail delle persone che stimavamo professionalmente per emularle; ci prendevamo gioco del linguaggio aziendale ma certo non smettevamo di usarlo.

Perché?  Semplicemente volevamo essere considerati e giudicati in 'un certo modo'.

Ma ora, in pieno Covid-19, facciamo video call con i bambini intorno o persone che si muovono dietro le nostre spalle, magari infastiditi da chi sta parlando, se siamo fortunati e viviamo in una casa grande, dal piano di sopra; oppure ci colleghiamo dalla cucina perché è l’unico luogo isolato disponibile a metà mattina.

Si tratta di una nuova normalità e di un insieme di esperienze molto diverse.

Sappiamo che i nostri comportamenti sono l’esito di ciò in cui crediamo, delle esperienze che abbiamo fatto e delle relazioni che abbiamo vissuto. Per molti di noi, l'intero sistema e costrutto di convinzioni riguardo al lavoro è stato, o sta per essere, disgregato.

Occorre riconoscerlo e concedersi un tempo di adattamento, perché cambiare il modo di lavorare è una cosa ma, tutt'altro è cambiare il modo di concepire il lavoro. Stiamo andando incontro a un vero e proprio processo di cambiamento culturale, inevitabile, se dall'attuale remote working dovremo passare al futuro #smartworking.

@Jill Dark, SteelcaseDirector of Learning, Leadership and Talent Transformation, si chiede come poter aiutare le persone che vivono in diverse parti del mondo in questo momento di cambiamento epocale e, dopo aver ascoltato i loro racconti in merito all'impatto che la pandemia sta esercitando sul loro lavoro e sulla loro vita, ha individuato tre macro fasi di risposte al Covid -19 che porteranno all'umanizzazione del lavoro.


1. DISRUPTION

In questa fase prendiamo consapevolezza che i sistemi e le convinzioni che avevamo riguardo al lavoro non sono più valide, quantomeno non del tutto. Non potremo continuare a prevedere un comportamento perfettamente professionale mentre partecipiamo alla nostra call dal tavolo pieghevole che abbiamo nel nostro scantinato o taverna. E’ difficile ignorare tua figlia che, ballando e cantando con le cuffie nelle orecchie, entra nella stanza dove tu stai facendo la call. Questi eventi inattesi, che stanno facendo emergere contemporaneamente la nostra imperfetta e bella umanità, ci offrono un’opportunità unica di abbassare il nostro livello di guardia perché ci offrono consentono anche l’opportunità di gettare lo sguardo nella vita di coloro con cui lavoriamo.


2. EXPERIMENTATION


Questa situazione ci porta a una sperimentazione ‘forzata’ e la sperimentazione conduce inevitabilmente a nuove esperienze e, quindi, a nuove convinzioni. Proprio come si cerca di trovare una nuova rotta quando si incontra un ostacolo, anche noi stiamo stanno cercando di capire il modo migliore per navigare. In questa fase è importante mostrare tutta la nostra umanità e permettere alle persone di vedere le cose come stanno: lasciamo che il cane abbai o che nostra figlia possa ballare e ammettiamo di essere nel seminterrato a lavorare perché nostra moglie sta cucinando. Occorre coraggio per far risplendere la nuova realtà.

3. NEW BELIEFS

Nessuno di noi, che siamo ancora sotto l’urto della pandemia, ha elaborato un nuovo set di convinzioni in merito al lavoro ma, quando la pandemia finirà, e finirà, avremo vissuto un numero sufficiente di esperienze da modificare tutto ciò che crediamo riguardo al lavoro e cominceremo ad agire diversamente, basandoci su nuove convinzioni che abbiamo maturato. Ciò che abbiamo da guadagnare nel mostrare la nostra verità è un nuovo rispetto per la nostra umanità condivisa.

I nostri bisogni sono diversi a seconda della fase a cui siamo arrivati, ma c’è un bisogno che abbraccia tutte e tre le fasi: la stabilità del benessere emotivo.

@Jen Fisher, Chief Well-being Officer at Deloitte, WorkWell Podcast Host ,pubblica post che aiutano la #mentalhealth; Inoltre anche alcune società americane propongono un rituale mattutino quotidiano condiviso e basato sul concetto di #mindfulness, supportato anche dai leader dell’azienda, nella logica di mostrarsi in modo autentico ma, al contempo, nel rispetto della cultura personale di chi non desidera mostrarsi per non sentirsi esposto.

Insomma, qualunque cosa identifichiamo utile, in questo momento stiamo scoprendo che, per iniziare la nostra giornata, abbiamo bisogno di avere qualcosa su cui “appoggiarci” e che regga l’urto dell’incertezza, della preoccupazione e, talvolta, della paura che accompagna la nostra nuova vita.

#orbitarchitettura, #progettazione, #smartworking, #remotework, #organizzazione, #workplace, #focus, #homeoffice, #mindfullness, #mentalhealth, #Wellbeing, #workspace #worklife

OrBiTa S.r.l.

Sede Legale: Via San G. Cottolengo n. 32

20143 Milano
Ufficio: Corso di Porta Nuova n. 46B

20121 Milano
C.F. e P. Iva: 10564220969

M@il: info@orbitarchitettura.it

Telefono 02.87169561

  • Facebook - Bianco Circle
  • Instagram - Bianco Circle
  • LinkedIn - Bianco Circle
  • YouTube - Bianco Circle
  • Pinterest - Bianco Circle
130x28_white.png
badge86_25@2x.png
Archiproducts_Ambassador-Badge-Light.png